Since the age of fourteen, the artist has shown his great passion for astronomy, attending at the old Planetarium of Rome, in Piazza Esedra, astronomy courses. It is precisely in this context that the artist makes the friendship that will profoundly mark his astronomical and artistic journey with Claudio Del Sole.

In the 1980s he founded the “Urania Astrophiles Group” together with other colleagues in the company Italcable, the Italian telecommunications company.

In the’ 90s he founded a new association called ASTRIS, which incorporates astrophiles from other companies of the STET group, Turin-based companies for the telephone business. The social purpose of the association was to build a social astronomical observatory in Cervara di Roma (Subiaco), which will be inaugurated on July 5,2008. This observatory will be dedicated to the memory of Claudio Del Sole who died in 2005 and named “Claudio Del Sole Astronomical Observatory”.

Sin dall’età di quattordici anni l’artista manifesta la sua grande passione per l’astronomia, frequentando presso il vecchio Planetario di Roma, in Piazza Esedra, i corsi di astronomia. E’ proprio in questo contesto che l’artista stringe l’amicizia che segnera’ profondamente il suo percorso astronomico ed artistico con Claudio Del Sole.

Neglia anni ’80 fonda insieme ad altri colleghi di lavoro il gruppo Astrofili Urania nell’ambito della società Italcable, società di telecomunicazioni.

Negli anni ’90 fonda una nuova associazione denominata ASTRIS, che incorpora astrofili provenienti anche da altre società del gruppo STET, società torinesi per l’esercizio telefonico. Lo scopo sociale dell’associazione era la costruzione di un Osservatorio astronomico sociale in località Cervara di Roma (Subiaco), Osservatorio che verrà inaugurato il 5 luglio 2008. Tale osservatorio verrà dedicato alla memoria di Claudio Del Sole scomparso nel 2005 e denominato per l’appunto “Osservatorio Astronomico Claudio Del Sole”.

NIn January 2007 he co-authored a work entitled Graphic Atlas of Galaxies, a project realized in collaboration with the deceased Claudio Del Sole and the President of the Astris Diego Azzaro, and published by UAI, Italian Atrophiles Union. The Atlas graphically shows the data on distances, dimensions, brightness, morphological characteristics and images of about 1,424 galaxies and aims to be a guide to the observation of galaxies by experienced enthusiasts.

Nel gennaio del 2007 è coautore di un’opera intitolata Atlante grafico delle galassie, progetto realizzato in collaborazione con il defunto Claudio Del Sole e il Presidente dell’Astris Diego Azzaro, e pubblicato dall’UAI, Unione Astrofili Italiani. L’atlante riporta graficamente i dati relativi alle distanze, dimensioni, luminosità, caratteristiche morfologiche ed immagini di circa 1.424 galassie e si prefigge di essere una guida all’osservazione delle galassie da appassionati esperti.

In 2009, a new project called “From the Milky Way to the Big Beng” was presented at the section of astronomical dissemination at the 42nd UAI Conference held in Padua from 24 to 27 September. It is a graphic document composed of 10 large format explanatory tables, 6 of which represent 3D scale models related to the Milky Way System – Local Group “and to the” Spatial Distribution of nearby galaxy clusters “. In 2010, the “New Graphical Atlas of Planetary Nebulae”, an atlas in which data on distances, dimensions, brightness, morphological characteristics and images of about 1,000 planetary nebulae will be shown in graphs, this guide is also for expert enthusiasts.

Nel 2009 un nuovo progetto denominato Dalla Via Lattea al Big Bang viene presentato presso la sezione di divulgazione astronomica al 42° Convegno dell’UAI che si è tenuto a Padova dal 24 al 27 settembre. Si tratta di un documento grafico composto di 10 tavole esplicative di grosso formato, 6 delle quali rappresentano modelli 3D in scala relativi al Sistema Via Lattea – Gruppo Locale” e alla “Distribuzione spaziale degli ammassi di galassie vicini”. In realizzazione per il 2010 il nuovo Atlante Grafico delle Nebulose Planetarie, atlante in cui verrano riportati in grafici i dati relativi alle distanze, dimensioni, luminosità, caratteristiche morfologiche ed immagini di circa 1.000 nebulose planetarie, anche questa guida e’ per appassionati esperti.